+ 39 327 0162589 + 39 320 2596721 info@oqdany.it

Museo Diffuso – Basilica SS. Salvatore

Price
From€3
Price
From€3
Full Name*
Email Address*
Your Enquiry*
Save To Wish List

Adding item to wishlist requires an account

1525
Storia

A destra della Cattedrale si sviluppa il complesso del SS. Salvatore il cui aspetto scenografico fonde felicemente tre costruzioni di differenti stili architettonici: il Monastero con decorazioni barocche, la Basilica in stile neoclassico e il Seminario realizzato alla metà del sec. XIX). Nel 1767 inizia la costruzione della basilica che doveva sostituire la vecchia chiesa. L’attuale chiesa si sviluppa all’interno dello spazio occupato anticamente dal primitivo chiostro del monastero benedettino, inglobandone una parte. Nel corso della costruzione della chiesa, dopo la morte di Andrea Gigante, fu modificato il progetto iniziale e al Canonico D. Antonio Mazza è attribuito il nuovo progetto del prospetto (che aggetta su un sagrato delimitato da piastrini) e del pronao della chiesa che venne consacrata nel 1802. Il ciclo decorativo dell’interno della chiesa del SS. Salvatore di Noto è una testimonianza tra le più significative della fase di transizione culturale siciliana tra tardobarocco e neoclassicismo. Iniziato nel 1794 e ultimato nell’arco di due anni è il risultato degli interventi pittorici del palermitano Ermenegildo Martorana e di quelli in stucco di Giovanni Gianforma. È un piano decorativo unitario che definisce l’aula unica e che ubbidisce iconograficamente ad un programma teologico. Tra le pitture hanno particolare rilevanza artistica gli affreschi della volta rappresentanti La Pentecoste (al centro), San Paolo sulla via di Damasco e L’apparizione di tre uomini misteriosi ad Abramo e i dipinti (olio su tela) che si trovano sugli altari laterali sul lato destro L’adorazione dei Magi (attr. a Giuseppe Patania), La Crocifissione (attribuita a Giuseppe Velasco); sul lato sinistro La presentazione dei Santi Mauro e Placido a San Benedetto (firmata Giuseppe Velasco, 1808), La Madonna del Rosario (attribuita a Giuseppe Velasco). Completano l’interno un artistico organo a canne di Donato del Piano (sec. XVIII), un’urna d’argento che custodisce le reliquie di S. Restituto Martire, traslata da Roma nel 1662 e, su un altare di destra, una pregevole scultura lignea della Madonna col Bambino. All’interno è possibile visitare il museo d’arte sacra, la cripta, la cantoria della Madre Badessa e la Torre Belvedere che fu scelta dal M° Franco Zeffirelli per alcune scene del film “Storia di una Capinera”

Il Tour comprende
  • Itinerario storico-catechetico all'interno della Basilica
  • Visita guidata alla Torre del Belvedere
  • Visita guidata alla Cantoria e Campanile
  • Visita guidata al Museo e Cripta
Mappa

Foto
35 travellers are considering this tour right now!