+ 39 327 0162589 + 39 320 2596721 info@oqdany.it

Cooperativa Etico ‘Oqdany (C.E.O)

La Cooperativa Etico ‘Oqdàny (C.E.O), fondata dal Dott. Salvatore Celeste e dal Dott. Corrado Crispino, nasce grazie al progetto “Policoro” della Diocesi di Noto che pone l’attenzione nei confronti della disoccupazione giovanile e si colloca nell’ambito della rivalutazione del lavoro come importante dimensione personale e sociale, da cui far scaturire un autentico sviluppo del territorio diocesano.

Il tutto si sviluppa all’interno di un’azione evangelizzatrice che colloca al centro il lavoro, pensandolo come “elemento fondamentale dell’esistenza dell’uomo sulla terra” e prendendo coscienza che attraverso di esso si giocano le scelte di fondo delle persone e della società e le possibilità di sviluppo di ogni territorio.

Il termine Ebraico vuol dire “lègami” è derivato dalla Genesi 22,9 del sacrificio di Isacco “Abramo legò Isacco”. Un termine che vuole indicare l’assoluta consegna che Isacco fece di sé a Dio, aderendo al gesto che su di lui il padre stava per compiere. 

.

Il Logo

Il logo simbolizza una colonna barocca le cui scanalature simbolizzano una Scala, simbolo Mariano della nostra Diocesi che ha per protettrice la Madonna della Scala del Paradiso,  uno di quei titoli nei quali la fede e la pietà cristiana amano vedere la Madonna, raffigurata nella scala vista da Giacobbe (Genesi 28,12) per mezzo di Lei Mistica Scala “il Verbo discese dal cielo e s’incarnò” e per mezzo di Lei noi saliamo fino alle altezze dell’incontro con Dio.

Il capitello della colonna è arricchito da volute, ovoli e occhio, rappresenta, una farfalla stilizzata che si erge in volo, simbolo della libertà, una libertà che può essere conquistata solo a patto di sapersi sciogliere dai lacci del conformismo della società d’oggi, quella libertà di crescere senza compromessi, senza paure sul nostro futuro.

I colori sono anch’essi fortemente simbolici: l’accostamento del rosso e dell’azzurro rappresentano il mare e il cielo che assumono quelle meravigliose sfumature del paesaggio ibleo durante l’imbrunire, assumendo una policromia scenografica rendendolo un vero e proprio teatro all’aperto.

La Missione

Due giovani orientati in diverse competenze culturali ( beni culturali, artistiche, storiche, economiche,museali, archivistiche) chiamati a svolgere una funzione sociale di gestione delle risorse della Diocesi di Noto favorendone uno sviluppo economico e culturale con un occhio alle nuove generazioni.

Uno sviluppo non egoistico e individualista ma con un Etica social – cattolica che garantisca un lavoro remunerato in maniera giusta favorendone la crescita personale, professionale e quindi sociale. L’ambito sociale riguarda la creazione di una rete economica che intenda valorizzare sia le risorse umane che quelle produttive del territorio, promuovendone la conoscenza e fruizione turistica